I magnifici dieci

Avevano promesso che dal 1 luglio le cose sarebbero cambiate per il 457 e hanno mantenuto la promessa. Ho trovato qualche articolo interessante e vi ripropongo un sunto…..dei dieci cambiamenti più importanti del 457 Program.

1. Aumentano i costi per la richiesta del visto e aumentano anche i costi per chi si porta dietro i famigliari:
900 dollari per coniuge o figlio maggiorenne
225 dollari per ogni figlio minorenne
Se si applica in Australia (onshore) potrebbe scattare un costo aggiuntivo di 700 euro per ogni candidato.

In sintesi, ecco il “tariffario”

Item                                                                                                                                     Vecchia tariffa          Nuova                                Aumento
SBS Approval                                                                                                                      $420                          $420                                     $0
457 Nomination                                                                                                                 $80                            $330                                     $250
457 Visa                                                                                                                                $455                          $900                                     $445
457 Dependent (Over 18)                                                                                                $0                              $900                                      $900
457 Dependent (Under 18)                                                                                              $0                              $255                                       $255
Onshore Extension (per applicant)                                                                                $0                              $700                                      $700

Total                                                                                                                                        $955                          $3,505                                  $2,550

2. Il temutissimo test di inglese.
In precedenza, il test di inglese per il visto 457 era richiesto solo per le occupazioni del commercio e in ambito tecnico. Dal primo luglio sarà richiesto a tutti, tranne in questi casi:

Se si possiede un passaporto inglese, irlandese, statunitense, canadese o neozelandese
Se il salario proposto dallo sponsor australiano è minimo di 96,400$
Se il candidato ha completato 5 anni consecutivi di un corso di studi in English medium in un istituto scolastico riconosciuto

Il test di inglese  deve essere condotto prima di inviare la candidatura al visto 457. Normalmente il test più diffuso è lo IELTS, e per superarlo occorre raggiungere un punteggio di minimo 5 in tutte e quattro le parti dell’esame.
Chi ha già un visto 457 dovrà sostenere nuovamente l’esame se sarà nominato per un altro 457. Questo vale anche nel caso in cui il suo esistente 457 venga esteso dallo stesso datore di lavoro o trasferito a un nuovo impiego con un differente datore di lavoro.

3. Numero limitato di sponsorizzazioni.
In precedenza, gli Standard Business Sponsors non avevano limiti nel numero di impiegati che si potevano sponsorizzare con il 457. Dal 1 luglio gli sponsors dovranno giustificare il numero di lavoratori che vogliono sponsorizzare e sarà accettato solo un certo numero di sponsorizzazioni. Una volta raggiunta questa soglia, il datore di lavoro potrà richiedere che in futuro questi limiti possano essere cambiati per permettere nuove sponsorizzazioni

4. Limiti alle attività commerciali stabilite recentemente
Normalmente il periodo di validità di una Standard business sponsorship è di 3 anni. Dal 1 luglio, un’attività commerciale stabilita di recente (vale a dire da meno di un anno) potrà fare sponsorizzazioni solo per 12 mesi. E il visto 457 sponsorizzato da questa giovane attività commerciale potrà durare solo 12 mesi (prima erano 4 anni).

5. Skills assessments richiesti per altre occupazioni
In precedenza, gli skills assessmentts erano richiesti solo per certi tipi di occupazioni in ambito commerciale. Dal 1 luglio gli skills assessments saranno richiesti anche per due particolari occupazioni

1)Program and Project Administrator
2)Specialist Manager Not Elsewhere Classified

6. Limiti alle occupazioni in ambito “Hospitality”
Una certa preoccupazione è stata espressa circa l’aumento del numero di posizioni sponsorizzate nell’industria dell’hospitality, quella a cui si rivolgono molti giovani stranieri e che solitamente fornisce la prima occupazione a chi arriva in Australia.
Visto l’abuso che è stato fatto del 457 anche in questo settore, adesso ci saranno grosse limitazioni per sponsorizzare Cuochi, Chefs, Restaurant/Cafe manager e questi lavoratori non potranno essere sponsorizzati per ricoprire posizioni in fast food o ristoranti takeaway

7. Formazione
Gli sponsor sono obbligati a fare formazione per 12 mesi dall’approvazione della sponsorizzazione. In precedenza il periodo si riferiva all’anno finanziario.
I datori di lavoro devono tenere traccia di tutte le attività di formazione. Se un datore di lavoro non soddisfa i criteri di formazione, potrebbe non essere approvata un’eventuale estensione del visto o qualsiasi altra variazione dello stesso e lo sponsor potrebbe incorrere in sanzioni o addirittura la cancellazione della sponsorizzazione.

8.Condizioni di lavoro
Ci sono alcuni cambiamenti riguardo le condizioni di lavoro riferite al visto 457:

  • I lavoratori sponsorizzati devono iniziare entro 90 giorni dal loro arrivo in Australia
  • Se lasciano il lavoro sponsorizzato, hanno 90 giorni di tempo per trovare un altro sponsor (prima erano solo 28 giorni)
  • Se richiesto dal loro lavoro, i lavoratori con il 457 dovranno avere la necessaria licenza professionale o eventuale registrazione richiesta in Australia

9. Aumento del salario
Dal primo luglio sono aumentati i salari del 457

Salary Level                                                                                                               Precedente              Attuale                        Aumento
TSMIT (Minimum Salary)                                                                                      $51,400                $53,900                                 5%
English Language Waiver                                                                                       $92,000                $96,400                                5%
Market Rate Salary Waiver                                                                                    $180,000              $250,000                           39%

10. Altri cambiamenti

Le candidature del 457 potranno essere fatte solo online, basta carta

Grandi poteri agli ispettori che potranno piombare nei posti di lavoro per verificare se sono state rispettate le leggi australiane sull’immigrazione

Possibilità di rifiutare una candidatura perché ritenuta “non autentica”

Nella determinazione del salario di mercato si può fare riferimento, oltre al posto di lavoro vero e proprio, anche al salario medio percepito da lavoratori impiegati in attività simili nelle stesse località

La sponsorizzazione dovrà essere pagata dallo sponsor e NON dal lavoratore destinatario della sponsorizzazione

_________________________________________________

In conclusione, questi cambiamenti avranno come effetto, o sperano di avere come effetto, quello di diminuire il ricorso al visto 457 da parte degli employers australiani. C’è molta preoccupazione nei confronti di questi cambiamenti che a quanto pare sono stati decisi senza consultare le parti in causa.

In ogni caso sono previsti ulteriori cambi all’orizzonte: l’introduzione del Labour Market Testing potrebbe non essere lontana visto che  è passato in Parlamento sotto forma di Migration Amendment  (Temporary Sponsored Visas) Bill 2013.

Questa è una trovata davvero agghiacciante: sei mesi prima di richiedere la sponsorizzazione, il datore di lavoro dovrà cercare la posizione richiesta nel mercato interno australiano. In pratica dovrà fare di tutto e di più per impiegare un australiano prima di rivolgersi al mercato estero.

Ecco quanto devono impegnarsi i datori di lavoro per trovare la figura ricercata tra gli australiani:

  •  utilizzare giornali nazionali famosi e pubblicare l’annuncio nei giorni dove si legge di più, tipo il fine settimana
  •  scrivere l’annuncio in modo che attiri l’australiano anziché allontanarlo
  • scrivere l’annuncio nel modo più attraente possibile

Se tutto ciò non servisse a trovare la figura ricercata, si procede alla sponsorizzazione, alla quale però dovrà essere allegata la prova del Labour Market Testing, dettagliando i nomi dei candidati locali che si sono presentati e motivare il perché non siano stati assunti.

Ci leggo un po’ di razzismo in tutto questo, ma forse ho capito male.

Sicuramente ho capito male

Buona fortuna a tutti!

Annunci

14 thoughts on “I magnifici dieci

  1. Razzismo? Forse solo un po’ di “sano” patriottismo…

    Vivendo nella realtà svizzera, dove le porte sono aperte a (quasi) tutti, posso affermare senza ombra di dubbio che allo Stato una certa tipologia di immigrati costa, e pure parecchio! Forse gli amici downunder lo hanno capito e vogliono proprio evitare questo genere di situazione. Potrei riportare numerosi esempi, ma mi limito a riportare che in Svizzera l’immigrato che ha lavorato almeno 12 mesi in Svizzera ha diritto a tutte le prestazioni sociali al pari di uno svizzero o di uno straniero domiciliato (in Svizzera il domicilio è l’equivalente della residenza in Italia). Il problema è presto visibile quando aziende gestite da stranieri “importano” manodopera dal loro paese per 12 mesi per poi lasciare i propri compatrioti “a piedi”. Questi, avendo lavorato solo 12 mesi e spesso solo a contatto con loro compatrioti, non hanno imparato la lingua, non si sono integrati nella realtà locale, ma hanno diritto a tutte le prestazioni. I loro compatrioti spesso hanno poi un sistema tutto loro per “istruire” i nuovi arrivati su come e dove andare a bussare per ricevere tali prestazioni e la collettività passa alla cassa per la seconda volta (la prima per pagare le indennità sociali ai lavoratori locali rimasti senza lavoro, la seconda per mantenere i nuovi arrivati anche loro senza lavoro)!

    Personalmente trovo le scelte del governo australiano ponderate, soprattutto in un momento come quello attuale, in cui la popolazione mondiale è giunta al punto in cui è troppa per l’offerta di posti di lavoro. E’ un modo per cercare di mantenere “a bada” la propria stabilità economica. Il vantaggio dell’Australia è che è un’isola e si trova confinata solo con l’oceano, quindi può permettersi di regolamentare l’immigrazione sul proprio territorio in modo completamente autonomo e questo potrebbe ferire l’animo di chi “garda dall’esterno”.
    La Svizzera è invece circondata dall’Europa, quasi fosse un’enclave… e da quel che posso capire, ha paura che l’Europa applichi ritorsioni se non si adatta ad operare una politica d’immigrazione favorevole all’Europa stessa. E con gli stati non EU c’è ancora tutto il discorso dei rifugiati politici…

    Ragazzi, come sarebbe bello se tutti si impegnassero personalmente affinché il mondo diventi un luogo dove poter vivere dove si vuole e in armonia, senza dover dipendere da uno Stato, dove tutti agiscono per il bene di tutti. Ognuno dovrebbe pensare che è responsabile sì per sé stesso, ma anche per gli altri. Parola chiave: condividere! Una società responsabile, dove nessuno voglia dominare gli altri, dove la gente vive secondo la filosofia dell’amore, dove la gente si ama e quando qualcosa non va, umilmente si chieda scusa, si perdoni e si ringrazi. Pulizia! Pulizia! Pulizia! Quando abbiamo da ripulire!

    Saluti e pace a tutti! Uomo_Linux

  2. Scusate ho una richiesta veloce. Per la lingua io ho preso un 87 al TOEFL. Secondo la tabella ufficiale è equiparato all’IELTS 6.5 Nel caso mi servisse, devo fare l’IELTS o va bene anche il mio TOEFL?

  3. bravissima come sempre!!!…consiglio a tutti gli illusi che cazzeggiano sui vari blog che parlono di australia di leggere i tuoi articoli che traducci meglio di un agente del Marra…Cara Maga, oggi la situazione è tragica specie per chi sbarca in cerca di lavoro…lavoretti da poco conto si trovano a gogo…ma lavori seri, con contratti regolari, full-time , con annessi e connessi, beh sono diventati un miraggio…oltretutto ti chiedono subito se sei aussie o permanent…se non è il caso nemmeno ti prendono in considerazione…persino i lavori nelle farm per fare gli odiati 88 giorni sono limitatissimi…purtroppo troppa gente, troppa concorrenza, troppe richieste, e troppa crisi sia in Europa che altrove…gli asiatici sono quelli che hanno rovinato il mercato del lavoro…lavoro al nero, non pagano le tasse, sfruttano i disperati e nessuno si lamenta…gli italiani si sono adeguati…se ti dico che la maggior parte dei cuochi indiani a capo di ristoranti italiani (???) per sola esperienza hanno quella di aver lavato pavimenti per 2 o 3 anni, e poi come gratifica del padrone, sono stati premiati come super chef…di una cucina italiano che non conoscono, che violentono, che stravolgono e tutto ciò con il benestare dell’owner italiano soddisfatto…beh da una scopa ed un cencio ad un grmbiule ed un capello da cuoco capirai che il salto è breve!!!…poi questi pretendono e vogliono dei professionisti qualificatiitaliani, che lavorino per loro, sfruttati e sopratutto agli ordini di indiani arroganti, che non capiscono un h di cucina…beh questi sarebbero i primi ad essere denunciati…ben vengano le riestrizioni del 457 per l’hospitality…hanno esagerato, e sopratutto si farà un bel po di pulizia…per chi si è fatto un mazzo in italia, lavorare in queste condizioni non è il massimo…ma vaglielo a far capire…l’unica ragione di stato che esiste in australia is MONEY!!!…fare soldi sacrificando qualità, cultura, sapori…se si mangia male eccoti spiegato il perché…non è colpa dell’indiano bensì dell’italiano…la cosa più assurda è che questi hanno 4 o 5 ristoranti, che offrono le stesse schifezze, lo stesso modo di lavorare, eppure fanno soldi!!! e tu povero cretino sei li a lottare per il buon nome della cucina italiana…guerra persa com don chisciotte e la sua lotta contro i mulini a vento!!!…ma con la speranza di aprire la tua bettola, di gestiirla come vuoi tu, mettendo un bel cartello in vista…che la bettola non cerca chef indiani…solo italiani!!!…voi credete che gli australiani sono razzisti??? beh non avete idea del razzismo di un indiano!!!…
    scusate lo sfogo, ma qui per farti un posto al sole, hai da pedalare di braccia e di gambe…oltre che di testa!!!…
    Cara Maga un abbraccio.

  4. ma io a sti canguri li lascerei tra di loro, una nazione se vuole veramente crescere economicamente sopratutto quanto ha tanto spazio ha bisogno di gente, d industrie e non solo di pecore, questo mangiano solo soldi sui disperati , si trovano nella zona asiatica ma sembrano fuori luogo proprio perchè è stata una nazione colonia, questa loro chiusura mentale non li portera’ tanto lontano

    • Caro Nemo, ma tu sei stato in Australia? Chiusura mentale? forse nell’outback, ma ti assicuro che in Italia ne abbiamo mooolta di piu’ di chiusura.
      …..”una nazione se vuole veramente crescere economicamente sopratutto quanto ha tanto spazio ha bisogno di gente, d industrie e non solo di pecore,”…..
      Forse non hanno bisogno di troppa gente ed industrie, hanno bisogno di mantenere semplicemente il loro modo di essere, anche fossero piu’ pecore che fabbriche.
      Perche’ caro mio la fabbrica da’ denaro, ma inquina e alla prima crisi chiude e rimane vuota, le pecore danno meno reddito, ma non inquinano, mantengono ordinato il prato, ci fai la lana e te le magni se vuoi.

      Il giro di vite del 457 e’ solo una risposta all’arrivo dei troppi backpackers, cosa dovrebbero fare? Aprire di piu’ le frontiere e creare disoccupazione? Il lavoro non e’ infinito mai per nessuno, e forse non tutti i paesi devono crescere economicamente, ma mantenere il loro benessere baste che rimangano cosi’.
      Io non ho mai visto forme di razzismo o altro, chiamiamolo protezionismo, e mi sta bene se si vive in un paese civile aperto.

  5. possono permetterselo! land of milk and honey, come dice il mio partner di Perth. L’australia e’ costruita sull’immigrazione e lo sanno, non credo sia chiusura mentale la loro, affatto, ma controllo e selezione, e protezione di chi australiano lo e’ o si e’ gia’ inserito, in questo momento in cui mille mila persone si presentano per tentare la sorte – non sono l’opera pia, che deve dar lavoro e assistenza a tutti – e lo dico da una che si e’ vista rifiutare il visto come skilled worker come architetto e con un PhD – pero’ i miei 400 dollari per esaminare la mia domanda se li tennero 🙂
    Gio (UK)

  6. Io li capisco da una parte, intendiamoci. Però invece di tutto questo allarmismo io mi limiterei a fare più controlli in origine oppure fare ricerche di mercato mirate così da sponsorizzare solo certe posizioni…in pratica quello che hanno sempre fatto, solo controllato meglio. Senza fare del terrorismo e speculare su un fenomeno come l’immigrazione a cui l’Australia deve non molto, ma tutto.

    • Sono d’accordo, e’ quello che hanno sempre fatto, solo che adesso tutti vogliono andare in Australia e c’e’ questa idea che e’ mio diritto trasferirmi dove mi pare e che appena arrivato mi offriranno in buon lavoro quando ho ancora un piece sulla scaletta. C’e’ piu’ richiesta di entrare, ma per non fare entrare troppe persone restringono gli accessi – buon per loro.cosi’ difendono proprio quegli standards che attraggono.

  7. ciao cara, mi sono documentata meglio e ho letto quello che hai scritto sui visti…..grazie….
    da quanto ho capito, dato che a febbraio compiro’ 50 anni,potrei andarci solo con lo sponsor con il temporaney work subclass 457 ma ,se tutto va bene, potrei rimanerci solo 4 anni … e poi basta? dopo a casa? non potrei mai prendere la residenza permanente ? grazie…. aspetto una tua risposta

    • Ciao Tiziana, dopo i 4 anni se non sbaglio puoi fare le carte per ottenere la permanent residency…ma devi lavorare almeno 4 anni. Fossi in te, visto il tuo caso un po’ particolare e l’età limite, contatterei un agente dell’immigrazione.
      ciao!

  8. Salve mi chiamo Riccardo e se è possibile vorrei alcune delucidazioni, ho 31 anni, da 9 lavoro in un bar/caffetteria, ho seguito anche dei corsi da bartending e dell’asibes, ora ti chiedo se sia così impossibile per me trovar lavoro in australia e soprattutto che visto dovrei fare? Ps ho anche molti parenti a Melbourne.

    Grazie in anticipo per le risposte.

  9. Salve mi chiamo Riccardo e se è possibile vorrei alcune delucidazioni, ho 31 anni, da 9 lavoro in un bar/caffetteria, ho seguito anche dei corsi da bartending e dell’aibes, ora ti chiedo se sia così impossibile per me trovar lavoro in australia e soprattutto che visto dovrei fare? Ps ho anche molti parenti a Melbourne.

    Grazie in anticipo per le risposte.

  10. Pingback: Ancora abusi sul 457. Ma con il nuovo governo le cose potrebbero cambiare. | La Maga di Oz

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...